I rimedi per combattere la cellulite

combattere la cellulite

Può sembrare difficile da credere, ma la gente comune si chiede come combattere la cellulite da poco più di 40/50 anni. L’eliminazione di questo disturbo cutaneo o la cura personale non era un problema importante per la maggior parte delle donne prima della metà del XX secolo, perché l’accumulo di grasso problematico in cosce, gambe o glutei non erano così comuni a quel tempo. Vediamo come combattere la cellulite nelle cosce e nei glutei o altre aree della parte inferiore del corpo, chiarendo prima di tutto cos’è la cellulite e perché si forma.

Cellulite: definizioni e cause

Per capire come togliere la cellulite è molto utile capire meglio cos’è e come si causa. In poche parole, la cellulite è il grasso che si accumula sotto la pelle. Il grasso e la pelle rimangono unite da quelli che si chiamano setti, cioè le pareti verticali di tessuto connettivo.

Nelle donne, i setti spingono la pelle verso il basso, quindi più grasso hai in quell’area, più tensione hai sulla pelle. 

Le donne sono anche più inclini ad avere cellulite in cosce e glutei a causa di estrogeni e un eccesso di recettori alfa all’interno delle cosce (entrambi producono grasso), e anche perché hanno meno recettori beta per decomporre la stessa.

Gli uomini producono naturalmente meno cellulite perché il testosterone decompone il grasso, hanno meno recettori alfa e più recettori beta e perché i loro setti tirano da un lato piuttosto che verso il basso, quindi non si formano le fossette che invece si formano nelle donne.

Capire quale tipo di cellulite si ha

I tipi di cellulite esistenti hanno caratteristiche diverse, è importante conoscerli per sapere esattamente come combattere la cellulite applicando il trattamento adeguato. 

Cominciamo dal tipo di grasso che può presentarsi nel nostro corpo.

Tipi di grasso

tipi di grasso

Ci sono due tipi di grasso sulla nostra pelle, cioè tessuto adiposo. Ognuna svolge una funzione biologica nel nostro corpo, ma una di esse è responsabile della generazione della cellulite.

  • Grasso bruno: questo tessuto adiposo fa parte della nostra storia genetica, poiché la maggior parte dei mammiferi ne ha. Questo tessuto si attiva quando sentiamo freddo e genera calore per mantenere la giusta temperatura corporea.
  • Grasso bianco: proprio come il grasso bruno, il grasso bianco è tipico dei mammiferi, ma è una riserva energetica che i nostri antenati usavano per resistere agli inverni duri.

Attualmente, questo accumulo di grasso nel corpo è responsabile della cellulite.

Tipi di cellulite

Prima di specificare i tipi di cellulite esistenti, è importante conoscere le zone del corpo in cui essa appare, in modo da poter identificare il trattamento migliore e più appropriato tra i molti rimedi anticellulite.

  • I fianchi e le cosce sono le zone in cui le lesioni della cellulite sono identificate con

maggiore frequenza e facilità

  • Le ginocchia, nella parte interna, ricoprendo la rotula
  • Le caviglie in forma ingombrante
  • Il collo dando l’aspetto di gobba

Principalmente sono identificati tre tipi:

  • Morbida: è il tipo di cellulite più comune, la cui caratteristica principale è la flaccidità e l’aspetto gelatinoso della pelle. Si identifica poiché, toccando la zona, questa si affonda formando la pelle d’arancio. Questo tipo di cellulite non è dolorosa e di solito appare nei glutei e cosce.

Le donne tendono a manifestarla tra i 30 e i 40 anni nelle braccia e nelle cosce, accompagnata da sensazione di pesantezza nel corpo in tale zona.  

Questo tipo di cellulite è comune a causa della mancanza di esercizio fisico in coloro che la soffrono e a seconda del grado di avanzamento, viene effettuato un trattamento intensivo di dimagrimento.

Trattamento: si possono effettuare dei massaggi per migliorare la circolazione e spostare il grasso localizzato e accompagnare ai massaggi la radiofrequenza.

Quando il caso è avanzato si ricorre alla pressoterapia per stimolare il drenaggio linfatico.

Si raccomanda, per evitare la comparsa di questo tipo di cellulite, esercizi aerobici e di tonificazione, accompagnati da una dieta ricca di proteine. Il successo del trattamento è quello di drenare e rimuovere il grasso.

  • Dura (compatta): contrariamente ai sintomi della cellulite molle, la pelle in questi casi diventa più reticente e genera disagio fisico e disturbi, in quanto aumenta la sensibilità cutanea. Essendo una lesione generata dalla riserva di grasso della pelle, può presentare sensazioni di calore e freddo nella zona che è stata colpita.

Questo tipo di cellulite può essere identificato perché la pelle si sente come un blocco compatto che data la sua durezza può rompere i tessuti e causare striature.

Avviene per un’alimentazione inadeguata, accompagnata da grassi saturi e alte calorie. Di solito appare nell’adolescenza e se non viene trattata correttamente e in tempo, rimane nel passare del tempo.

Trattamento: Per combattere la cellulite in questo caso si può ricorrere a massaggi attraverso la vacuum terapia, un trattamento di origine francese, che succhiando la pelle, rompe i depositi di grasso. Viene rinforzato con la radio frequenza.

A seconda dei casi, la mesoterapia, cioè l’iniezione di liquidi in aree specifiche, è necessaria per facilitare la dissoluzione del grasso.

Si raccomanda, per evitare questo tipo di cellulite, di seguire una dieta adeguata. Allo stesso modo, nei casi più complicati, consultare un medico, dato che alcune persone hanno una propensione genetica e ormonale.

  • Edematosa: la cellulite edematosa presenta le caratteristiche della cellulite blanda e della cellulite dura. Si manifesta nelle estremità inferiori, causando il gonfiore delle gambe e presenza di noduli. Può essere dolorosa al tatto.

Questo tipo di cellulite è il meno frequente e il suo trattamento è molto complesso. Si presenta in donne dai 20 ai 30 anni.

Trattamento: il rimedio anti cellulite in questo caso consiste essenzialmente nella rimozione di liquidi attraverso il drenaggio linfatico, preferibilmente manuale.

Si raccomanda affinché il trattamento sia efficace, che la dieta sia a basso contenuto di sale, senza grassi saturi e alimenti che promuovano il drenaggio del corpo, noti anche come detox. Allo stesso modo si raccomandano alimenti che favoriscono la circolazione sanguigna.

Gradi di misura dei tipi di cellulite

Nel campo estetico sono stati determinati 4 gradi per misurare la cellulite:

  • Grado I: Non visibile e per identificarlo si deve stringere fortemente la zona per percepire la lesione
  • Grado II: Si avverte la cellulite stringendo leggermente la zona
  • Grado III: A occhio nudo si riconosce che c’è la cellulite senza stringere la zona
  • Grado IV: Essendo il grado maggiore, può essere anche dolorosa e presenta ritenzione di liquidi ed edemi.

Prevenire la cellulite è meglio che curarla

Più facile a dirsi che a farsi, lo sappiamo. Se è già lì, i modi migliori per sbarazzarsene sono quelli che spesso più non ci piace sentire: la dieta e l’esercizio fisico. Trascurarli è la causa principale (e quasi unica) dell’insorgenza di questo fastidioso problema.

Se siete curiosi, le donne cominciano a chiedersi: Come combattere la cellulite?” verso l’arrivo dei 30 anni.

È allora che la produzione di estrogeni diminuisce e la circolazione sanguigna in gambe, cosce e glutei, porta a una minore concentrazione di collagene in queste aree.

È in quel momento che anche le cellule grasse tendono a diventare più grandi e riescono ad avere una spinta maggiore attraverso lo strato naturale di collagene, mostrandosi come cellulite e creando a volte anche problemi più gravi.

Ecco perché molte delle domande correlate su come combattere la cellulite di solito provengono da donne che si avvicinano ai 30 anni.

La combinazione di una dieta malsana, poco esercizio fisico e, che tu ci creda o no, biancheria intima stretta contribuisce ad aumentare il tasso di tessuto sottocutaneo grasso nelle donne negli ultimi 50 anni.

Si ritiene che gli altri colpevoli siano la disidratazione, i cambiamenti ormonali e lo spessore e colore della pelle.

Ma le due cause principali sono: una dieta carente e la mancanza di esercizio fisico.

Si può combattere la cellulite nelle gambe, dai glutei e da altre aree problematiche semplicemente concentrandosi sul migliorare questi aspetti: mangiare bene e fare il giusto esercizio sono davvero i migliori rimedi anticellulite.

È possibile eliminare rapidamente la cellulite?

Qui abbiamo scritto approposito: come ridurre la cellulite in poco tempo.

Alcuni dei termini di ricerca più comuni relativi alla cellulite mostrano che le persone sono disperate per sapere come eliminarla rapidamente: il problema è che la maggior parte di queste cercano di trovare creme o prodotti miracolosi.

Ma la cellulite non scompare da un giorno all’altro: non si può prendere un integratore o mettersi una crema e dopo 3 giorni aspettarsi che se ne sia andata.

L’unico modo reale per ridurre rapidamente questo grasso è attraverso la moderna tecnologia estetica che davvero è in grado di combattere la cellulite rimuovendo il grasso dal corpo.

Quello che spesso si può fare con buone creme o altri prodotti è quello di ridurre l’aspetto poco attraente che ha la cellulite in cosce e altre aree. Tieni presente che anche la migliore crema impiega qualche settimana per ottenere effetti visibili.

Creme per contrastare la cellulite

Le creme sono una delle misure più popolari in quanto il loro uso è più facile e veloce rispetto al fare esercizio o limitare alcuni alimenti. Ma le creme anticellulite funzionano davvero? La risposta dipende dagli ingredienti inclusi.

Anche se molti prodotti per la cellulite affermano di rimuovere l’effetto a buccia d’arancia e lasciare la pelle liscia, spesso bisogna tener conto di alcune avvertenze.

Questi prodotti per la cura della pelle possono temporaneamente ridurre l’aspetto della cellulite, ma non possono eliminarla definitivamente.

Il trucco è quello di trovare ingredienti che aiutano a prolungare i risultati positivi, come la caffeina e la L-Carnitina, due componenti chiave per contribuire a creare l’aspetto di una pelle più liscia e bella.

Si ritiene che la caffeina causi uno stiramento temporaneo della pelle e la costrizione dei vasi sanguigni, che non lascia abbastanza spazio tra il tessuto connettivo per far passare i depositi di grasso così da combattere la cellulite.

Proprio come la caffeina può essere disidratante quando viene consumata, quando applicata sulla pelle può disidratare le cellule grasse, riducendo così la dimensione delle fossette.

Chiudi il menu